inizio pagina

IL POTERE DELLE IMMAGINI

Aktualisiert: 31. März 2023

In che modo le cattive notizie e le immagini distopiche influenzano il nostro pensiero?


Si potrebbe quasi pensare che ci siamo lentamente abituati a sentire parlare ininterrottamente di un'epoca di crisi multiple e di sconvolgimenti del consueto ordine mondiale. I messaggi di allarme ci raggiungono in modi diversi. Gli ottimisti dicono che siamo alle soglie dello sviluppo verso uno stadio evolutivo superiore. L'umanità è alla svolta dolorosa della propria esistenza, dicono i pessimisti. Niente di tutto questo, tutto esagerato, dicono i nichilisti. Il fatto è che il numero di sfide globali per le generazioni viventi di questo mondo non è mai stato così alto. E molte di esse si fanno sentire anche nella nostra sfera di vita. Ma che influenza hanno le crisi mondiali su noi esseri umani e sul nostro pensiero? Possiamo comunque affrontare con fiducia i cupi scenari futuri? E cosa ha a che fare tutto questo con il Vangelo?


Per prima cosa, esaminiamo alcuni fenomeni di oggi e chiamiamo le cose con il loro nome.


Schnelligkeit: Die technologische Entwicklung hat dazu beigetragen, dass sich viele Veränderungen in unserer Welt immer schneller vollziehen. Dies kann dazu führen, dass viele Menschen das Gefühl haben, mit den Entwicklungen nicht Schritt halten zu können.


Globalisierung: Die Welt ist heute stärker vernetzt als je zuvor, was bedeutet, dass Ereignisse an einem Ort Auswirkungen auf andere Orte haben können. Dies kann dazu beitragen, dass Krisen sich schneller verbreiten und schwieriger zu kontrollieren sind.


Politische Polarisierung: In vielen Teilen der Welt sind die politischen Debatten zunehmend polarisiert, was dazu führen kann, dass die Lösung von Problemen schwieriger wird. Wenn politische Parteien oder Lager nicht zusammenarbeiten können, um gemeinsame Probleme zu lösen, können Krisen länger dauern und sich verschärfen.


Ungleichheit: In vielen Teilen der Welt nimmt die Ungleichheit zu, was dazu führen kann, dass Menschen das Vertrauen in die Gesellschaft und die Regierungen verlieren. Wenn Menschen das Gefühl haben, dass sie keinen Einfluss auf ihre Umgebung haben, können sie sich frustriert und machtlos fühlen, was die Auswirkungen von Krisen verschlimmern kann.


Kriegerische Auseinandersetzungen: Auch Krieg, wie derzeit in der Ukraine und vielen anderen Regionen dieser Welt - kann zu vielfältigen Auswirkungen führen, die die Weltwirtschaft, die politische Stabilität, die soziale Ordnung, die öffentliche Gesundheit und die Umwelt beeinträchtigen können. Krieg ist auch eine der Hauptursachen für Flucht und Vertreibung, was zur Verschärfung von humanitären Krisen führen kann.


Klimaerhitzung: Die Auswirkungen des Klimawandels, wie zum Beispiel steigende Temperaturen, Extremwetterereignisse, das Abschmelzen von Gletschern und Eisschollen, der Anstieg des Meeresspiegels und die Auswirkungen auf die Artenvielfalt können globale Auswirkungen haben. Der Klimawandel kann auch zu Nahrungsmittelknappheit, Wasserknappheit und wiederum zu Konflikten führen, wenn Ressourcen knapper werden und um sie gekämpft werden muss.


Komplexität: Die Welt von heute ist unglaublich komplex, und viele Probleme sind miteinander verbunden. Zum Beispiel können Klimawandel, soziale Ungerechtigkeit und politische Instabilität alle miteinander verflochten sein und sich gegenseitig beeinflussen. Wenn ein Problem auftritt, kann es oft Auswirkungen auf andere Bereiche haben, was zu einer Vielzahl von weiteren Problemen führen kann.


L'elenco delle sfide globali può continuare a lungo. La tentazione di etichettare frettolosamente le sfide principali come crisi è grande. Non tutto ciò che ci mette alla prova passa necessariamente attraverso circostanze simili a una crisi. Ma molto di ciò che è stato menzionato in precedenza (e ancora di più di ciò che non è stato ancora menzionato) può essere riassunto sotto il termine di crisi multipla.


Vogliamo fare un punto della situazione e cercare di non rimanere bloccati in realizzazioni distopiche e che inducono alla paura. Spinti dalla consapevolezza che le sfide si affrontano al meglio evitando un male incombente e cogliendo le opportunità che lo accompagnano, riconosciamo l'importanza di non restare inerti ad osservare sviluppi distruttivi. Concentrarsi su scenari minacciosi e crogiolarsi in immagini di atrocità, disastri naturali e scenari apocalittici non è sufficiente per dare agli sviluppi del futuro la giusta piega.

Inoltre, una tale riduzione sarebbe estremamente rischiosa, dato che nel mondo occidentale è già in atto un'epidemia di dubbi su se stessi, ansia e senso di inferiorità. Ecco alcuni fatti:

  • Secondo uno studio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la prima Corona dell'anno 2020 ha portato a un aumento del 25% dei disturbi d'ansia e della depressione in tutto il mondo rispetto al passato.

  • I disturbi d'ansia sono aumentati di 20 volte negli ultimi 30 anni

  • Il 20% dei giovani tra i 16 e i 25 anni ritiene che la frase "Per me la vita vale davvero la pena di essere vissuta" non sia vera.

  • Nel mondo occidentale c'è un'epidemia di dubbi su se stessi, ansia e senso di inferiorità.

  • 83 persone su 100 affermano di non rilassarsi quasi mai o di non prendersi del tempo per pensare.

Che cosa hanno a che fare queste statistiche inquietanti e l'intricato mix di problemi economici, sociali ed emotivi con ciò che la gestione del creato dovrebbe produrre? Se si considerano le attuali priorità politiche e culturali, si potrebbe pensare assolutamente nulla. Tuttavia, se si considera quanto sia importante riuscire a immaginare un futuro positivo nonostante tutti i titoli negativi, allora molto di più. A tal fine, vale la pena di esaminare come funziona la capacità di immaginare visioni per il futuro.


L'immaginazione, la creatività e la fantasia hanno sede nell'ippocampo, quella parte del cervello così chiamata per la sua somiglianza con un cavalluccio marino. Solo da circa 50 anni si sa che il nostro cavalluccio marino - tra le altre preziose caratteristiche - è responsabile dell'immaginazione del futuro. L'ippocampo è il centro della nostra immaginazione.


Per quanto geniale sia questo epicentro dell'immaginazione umana, è anche fragile. Perché? L'ippocampo è pieno di recettori che lo fanno reagire in modo particolarmente sensibile al cortisolo, l'ormone dello stress che oggi è diventato un compagno quasi costante, almeno nel mondo occidentale. In piccole quantità, il cortisolo è estremamente utile per mobilitare le forze.

Tuttavia, livelli troppo elevati di cortisolo possono distruggere le cellule dell'ippocampo. Oggi le tecniche di imaging rivelano che il nostro cavalluccio marino si riduce durante i periodi di stress e ansia costante. Una volta che l'ippocampo è danneggiato, possiamo iniziare a cercare informazioni che confermino la nostra visione sempre più pessimistica del mondo.

Questo circolo vizioso porta al rilascio di altro cortisolo e a ulteriori danni all'ippocampo. In altre parole, più ci esponiamo a fattori di influenza che producono stress e ansia, meno saremo in grado di pensare a un futuro positivo.

Tuttavia, ciò non è senza conseguenze: le fasi di trasformazione (e in questo articolo presumo che siamo nel bel mezzo di una di esse) hanno seguito le loro narrazioni anche in passato. Si tratta di narrazioni che hanno alimentato, ad esempio, il comunismo, il nazionalismo e il capitalismo. Queste narrazioni svolgevano una funzione: quella di poter immaginare un futuro per cui valesse la pena lottare.


Il tempo presente e le sue sfide sono in gran parte privi di queste narrazioni. Molti hanno capito che il futuro non può essere un'estensione del passato. Ma pochi hanno un'immagine di come immaginare un futuro degno di essere vissuto. E senza tali immagini e narrazioni, fatichiamo a definire obiettivi degni di nota.

In senso figurato, questo può essere spiegato come l'immaginazione umana che funziona come un dispositivo di visione notturna quando ci si perde nella foresta oscura - non vedendo nemmeno la propria mano davanti agli occhi. Se lo stress, il trauma, la paura e la concentrazione dell'attenzione sui nostri schermi prosciugano la nostra immaginazione proprio nel momento in cui ne avremmo più bisogno, come possiamo sviluppare narrazioni che vogliamo seguire e che possono invertire questo processo?


La buona notizia è che noi cristiani non abbiamo più bisogno di sviluppare una narrazione. Ce l'abbiamo già. Il Vangelo è pieno di immagini degne di essere usate come modello per il nostro futuro. La Buona Novella è una storia piena di amore per la creazione e per tutte le creature. Una storia piena di speranza e di fiducia. Una storia che ci invita alla conversione. Il Vangelo può essere facilmente collocato nel nostro tempo e offre un contrasto con ciò che per decenni ci è stato venduto come desiderabile.

"Non temere!" è l'appello più frequente nella Bibbia. Lo troviamo 366 volte nelle Sacre Scritture, una per ogni giorno dell'anno. Questo appello è in netto contrasto con quello che i media vorrebbero trasmetterci ogni giorno. La vita di Gesù e i suoi appelli creano un quadro più che adeguato per uno stile di vita che può essere la risposta ai problemi di oggi.

Wir wollen Christinnen und Christen für die Zukunft sein. Christians for future. Wir werden uns nicht damit abfinden wollen, in einen Bus einzusteigen, von dem wir wissen, dass er gegen die Wand gefahren wird. Vielmehr, wir werden versuchen, das Steuer in die Hand zu nehmen und alles daran setzen, dass uns die Fahrt ans Ziel bringt.

Come cristiani, sappiamo cosa significa immaginare un futuro prospero. Abbiamo imparato ad avere un'idea delle cose più ardite: L'aldilà. Il regno dei cieli. Il perdono dei nostri peccati. La vita eterna. E molto altro ancora.

Sono profondamente convinto che le crisi di questi giorni siano crisi spirituali alla radice. La Genesi non descrive solo la storia della creazione. Descrive anche la separazione da Dio e dal paradiso. L'uomo ha adottato l'atteggiamento di non avere più bisogno di Dio. Di essere se stesso per Dio. Il cammino verso un futuro salvifico può essere solo un cammino spirituale. Un percorso che ci connette con il grande mistero e con il cosmo.

Lo stile di vita che l'uomo "moderno" ha scelto ci rende ciechi di fronte alle visioni del futuro. È più probabile che ci renda ancora più timorosi, acritici e poco creativi. Una vita come quella che Gesù ha esemplificato e anche prescritto per noi espande la nostra capacità non solo di sperare in un futuro buono, ma anche di crederci.

Nun liegt es an uns, ob wir uns von äußeren Einflüssen verstimmen und entmutigen lassen, oder ob wir die Nachfolge Christi in einer Zeit antreten wollen, in der es sie zweifellos ganz dringend braucht. Die Botschaft des Menschensohns scheint heute nicht mehr en vogue zu sein. Es könnte der Eindruck gewonnen werden, dass der Glaube an Frieden, Gerechtigkeit und eine intakte Natur eine infantile, naive Vorstellung sei, die nichts mehr mit der Realität zu tun hat. Wer eine solche Vorstellung aber nicht aufgeben möchte, ja vielleicht sogar dafür kämpfen will, wird bestenfalls belächelt, und schlimmeren Falls kriminalisiert. Aber das hat Jesus nicht nur prognostiziert, sondern auch selbst erfahren. Und es soll uns nicht aufhalten. Lasst uns zumindest versuchen, mit Zuversicht in die Zukunft zu gehen und das Steuer in die Hand zu nehmen.


Gott hat die neue Schöpfung wie am Beginn der Welt in einem Garten begonnen; die Auferstehung Jesu Christi ist der Beginn unserer Rückkehr zum Paradies. Am Ende der Fastenzeit erinnern wir uns, dass die Askese des Sohnes Gottes ein Eintreten in die Wüste der Schöpfung war, um sie wieder zu dem Garten der Gemeinschaft mit Gott werden zu lassen, der sie vor dem Sündenfall war (vgl. Mk 1,12-13; Jes 51,3).


Papst Franziskus appelliert an uns: "Lassen wir diese günstige Zeit nicht nutzlos verstreichen! Bitten wir Gott um seine Hilfe, den Weg wahrer Umkehr einzuschlagen" (Papst Franziskus, Oktober 2018, dem Fest des heiligen Franz von Assisi). Eine solche Umkehr setzt die Vorstellung alternativer Lebenskonzepte voraus. Der heilige Paulus sagt sogar: »Die Schöpfung wartet sehnsüchtig auf das Offenbarwerden der Söhne Gottes« (Röm 8,19). Wenn der Mensch als Kind Gottes, als erlöste Person lebt, die sich vom Heiligen Geist leiten lässt (vgl. Röm 8,14) [...], dann wird er auch der Schöpfung Gutes tun und an ihrer Erlösung mitwirken, stellt Franziskus klar.


La visione di una redenzione della creazione è importante almeno quanto l'idea di come arrivarci. L'imminente mistero pasquale ci invita a immaginare un futuro di successo. Così, a partire da oggi, potremmo plasmare il nostro tempo in modo che venga ricordato come un tempo in cui si sono risvegliate una gioia profonda e una nuova consapevolezza di fronte al Creatore, alla creazione e alla vita. Come un tempo in cui l'umanità è uscita da una spirale di distruzione. E come un tempo in cui la famiglia umana si è elevata a una nuova sfera di coscienza universale. E come? Con un primo passo. E con la nostra immaginazione, ancora abbastanza intatta, con la nostra fede e con la nostra fiducia.


57 Ansichten0 Kommentare

Contributi recenti

Visualizza tutti

Comments


a fondo pagina